36° CONVEGNO INTERNAZIONALE DI AGRICOLTURA BIODINAMICA
12 NOVEMBRE - 30 NOVEMBRE - 10 DICEMBRE 2020
CONVEGNO IN FORMA DI WEBINAR ONLINE

36° CONVEGNO INTERNAZIONALE DI AGRICOLTURA BIODINAMICA

Un’agricoltura di salute

Ricerca, innovazione e formazione per il futuro della terra
Il convegno si svolge esclusivamente on-line sottoforma di webinar

In collaborazione con

APAB Istituto di Formazione
Demeter Italia

Con il patrocinio di

Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare • Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali • Comune di Firenze • Regione Toscana • Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa dell’Università degli Studi di Firenze • Fondo Ambiente Italiano • Conaf

Media partner

Terra e vita • Agricolturabio.info • Terra Nuova

L’iniziativa è “Plastic Free” e sarà realizzata senza alcun utilizzo di plastica monouso

Scopo del convegno è quello di porre l’attenzione sul valore del lavoro degli agricoltori biodinamici per la salute umana e dell’ambiente. Serve a sostenere la collaborazione tra contadini e ricercatori impegnati per il futuro della Terra e supportare gli agricoltori nel miglioramento delle proprie tecniche. Per questo saranno presentati metodi innovativi e soluzioni inedite, insieme a grandi riflessioni spirituali ed esempi contadini che vanno dritti al cuore. La biodinamica rappresenta una possibilità concreta per fondare l’agricoltura ecologica su solide basi di pensiero. Non basta coltivare sano, la bioagricoltura deve compiere un’evoluzione radicale, che porti idee libere, relazioni giuste, economie solidali. Decine di relatori tra i più qualificati disegneranno e testimonieranno insieme un nuovo modello agricolo, ma anche un nuovo modello di sviluppo, più sostenibile sia a livello sociale che ambientale. Realizzarlo sarà possibile se avremo il coraggio di essere il cambiamento del paradigma e di chiamare su questo il mondo a raccolta. Questa è la nostra missione, un compito per tutti e per ciascuno, ancor di più oggi che abbiamo constatato come il disequilibrio dilagante tra Uomo e Madre Terra richieda una responsabilità e un’azione comune.